Quando il dipendente gioca a nascondino

Ulteriori consigli per clienti commerciali

Da ieri uno dei miei dipendenti è assente ingiustificato dal lavoro: come mi consigliate di comportarmi?

La prima cosa da fare è cercare di capire quanto prima il motivo dell'assenza. Per farlo, telefonate al dipendente (per ovvie ragioni, vi consigliamo di farlo alla presenza di un testimone). In assenza di una giustificazione grave (infortunio, malattia), occorre diffidare il dipendente, ricordandogli i suoi obblighi contrattuali e giuridici e invitandolo a riprendere il lavoro in giornata. Se non lo fa, rinnovategli quanto sopra per lettera raccomandata, sempre in giornata, rifacendovi esplicitamente alla telefonata intercorsa e invitandolo in tono formale a tornare al lavoro immediatamente. Conservate copia della lettera e della ricevuta della raccomandata.

Possibilità di indennizzo

Se neanche la lettera ottiene l'effetto sperato, si può ricorrere all'art. 337d del Codice delle obbligazioni (CO) che così recita: «Se il lavoratore senza una causa grave non inizia o abbandona senza preavviso l'impiego, il datore di lavoro ha diritto a una indennità.» Questa corrisponde ad un quarto del salario mensile, a cui vanno ad aggiungersi un eventuale risarcimento. Tale indennità può essere detratta dal salario. In alternativa è possibile, entro e non oltre 30 giorni dalla mancata presentazione al lavoro o dall'abbandono del posto di lavoro, denunciare il dipendente o avviare un'azione esecutiva. Trascorso tale termine, non avete più la possibilità di far valere questo vostro diritto.

Le competenze del giudice

A tale proposito il giudice dispone di due importanti prerogative. Primo: il giudice può, a proprio giudizio, ridurre l'indennità richiesta. Secondo: se il giudice ritiene che, nella causa in oggetto, il comportamento del dipendente non costituisca motivo valido per un licenziamento senza preavviso, il rapporto di lavoro prosegue, con il rischio per voi di dover continuare a pagargli lo stipendio. È appunto per ridurre al minimo questo rischio che è importante la diffida di cui dicevamo sopra.

Dubbi sul certificato medico

Se durante la telefonata emerge che l'assenza è dovuta a malattia o infortunio, chiedete di inviarvi subito un certificato medico. Se, pur avendolo ricevuto, dubitate che sussista effettivamente un'incapacità lavorativa, invitate il dipendente a farsi visitare da un medico di fiducia dell'impresa, beninteso a spese di quest'ultima. Il Codice delle obbligazioni non dice se il dipendente che viene invitato a farlo sia anche giuridicamente tenuto a farsi visitare dal medico del datore di lavoro. Nel caso specifico occorrerà pertanto verificare se il datore di lavoro, oltre ad un semplice invito, possa anche intimare al dipendente di sottoporsi agli accertamenti. A tale proposito è consigliabile inserire nel contratto di lavoro una clausola che riconosca al datore di lavoro tale diritto.

L’assicurazione perfetta per voi?
La troviamo con una consulenza individuale.
Richiedi una consulenza
POTREBBE INTERESSARVI ANCHE QUESTO

Protezione giuridica aziendale
La nostra protezione giuridica vi protegge ogni giorno, adattandosi alle esigenze specifiche della vostra azienda.

Protezione giuridica circolazione per imprese e associazioni
Non è infrequente che un banale incidente sfoci in una causa legale. Con la nostra protezione giuridica circolazione per imprese potete viaggiare sicuri.
Sono tenuto a retribuire le ore di lavoro in più dei miei dipendenti?