Cambio cassa malati: a cosa fare attenzione

Vorrei assicurare la mia famiglia presso una cassa malati più economica. Cosa devo fare?

Innanzitutto è importante rispettare i termini di disdetta previsti, che per l'assicurazione di base sono due: il 30 giugno e il 31 dicembre.

Disdetta il 31 dicembre

Normalmente i contratti di assicurazione vengono disdetti a fine anno; in questa data è possibile disdire qualunque assicurazione di base, anche se il premio rimane invariato. Il termine di preavviso è di un mese. È importante ricordare che la disdetta deve pervenire alla cassa malati entro il 30 novembre.

Disdetta il 30 giugno

A metà anno è possibile disdire il contratto solo in due casi:

  • se si ha un'assicurazione di base standard (ovvero con una franchigia di 300 franchi); in questo caso il termine di preavviso è di tre mesi;
  • se il premio aumenta a metà anno; in questo caso è possibile disdire al 30 giugno qualsiasi assicurazione, con termine di preavviso di un mese. È importante ricordare che la disdetta deve pervenire alla cassa malati entro il 30 novembre.

Prima si stipula la nuova assicurazione, poi si disdice il vecchio contratto

L'assicurazione di base disdetta cessa solo se la nuova cassa malati conferma che si farà carico della continuazione della tutela assicurativa. Di conseguenza è importante stipulare per tempo una nuova assicurazione; le casse malati sono obbligate ad accettare nuovi clienti per l'assicurazione di base. È opportuno inviare per raccomandata sia la proposta per la nuova assicurazione, sia la lettera di disdetta, che deve giungere alla cassa malati prima dell'inizio del termine di preavviso. A tale proposito non va dimenticato che le lettere raccomandate non vengono recapitate il sabato. È inoltre importante ricordare che è possibile cambiare cassa malati solo se sono stati pagati tutti i premi, partecipazioni ai costi, interessi di mora ecc. dovuti alla cassa attuale.

E le assicurazioni complementari?

Per le assicurazioni complementari fanno fede le condizioni generali di assicurazione. Normalmente è possibile disdire il contratto a fine anno, in genere con un preavviso di tre mesi (tranne in caso di aumento del premio). Spesso, tuttavia, il contratto prevede una durata minima che va rispettata. L'assicurazione complementare va disdetta solo se il nuovo assicuratore ha accettato la richiesta di assicurazione senza riserve. È importante compilare correttamente il questionario relativo alla proposta di assicurazione, in modo da evitare, più tardi, di vedersi negare l'erogazione di prestazioni o di incorrere in una disdetta della polizza.
 


Tutelate i vostri diritti!
Per far sì che, quando avete ragione, la possiate anche ottenere.

Altre offerte che potrebbero interessarvi

CAP - La protezione giuridica privata e circolazione CAP

La protezione giuridica privata e circolazione CAP

A volte vi tocca far valere o difendere i vostri diritti. In questi casi, lasciate fare a noi.
 

CAP - Consigli giuridici: Mantenere un parente in casa di riposo

Mantenere un parente in casa di riposo

Mia madre vive in una casa di riposo. Presto il suo patrimonio sarà esaurito, dovrò sostenere io i costi per l'alloggio?

CAP - Consigli giuridici: Pomo della discordia - l'abbonamento in palestra

Pomo della discordia: l'abbonamento in palestra

Avevo deciso di non rinnovare il mio abbonamento in palestra per il 2015. E, invece, ho scoperto che avrei dovuto dare la disdetta già in settembre. Devo ...


Contatti

Centro clienti

Tel.:  +41 58 358 09 00

Fax:  058 358 09 01

email: contact@cap.ch

Denuncia un caso legale 
 


Servizi

Consulenza

Per eventuali domande sul contratto o per stipulare un’assicurazione di protezione giuridica con noi, contattate i consulenti della nostra casa madre Allianz.

Trova un’agenzia Allianz